Campagna comunale contro il gioco d′azzardo compulsivo  

CHE COSA È E A CHE COSA SERVE:  

Il Consiglio Comunale, con deliberazione n. 25 del 30.04.2013, si è impegnato per tramite del Sindaco a sollecitare iniziative che permettano di limitare, arginare e all’occorrenza aiutare le persone afflitte dalla sindrome del gioco compulsivo e le rispettive famiglie, pur nel rispetto delle attività degli imprenditori che le propongono e delle leggi vigenti.

In quest’ottica, un primo passo è l’emissione dell’ordinanza n. 97/2013 del 19.06.2013, con la quale si richiede ai proprietari e ai gestori di aree e di sale adibite al gioco oneroso l’affissione di cartelli che, alla stregua di vizi come il fumo, avvertano i frequentatori che il gioco è pericoloso e può creare dipendenza, nonché per indicare quali le associazioni di volontariato a cui potersi rivolgere in caso di necessità.

Ai sensi della L.R. 21.10.2013 n. 8 e della D.G.R. 24.01.2014 n. X/1274, la Giunta Comunale, con propria deliberazione n. 33 del 20.02.2014, ha altresì definito sia i cosiddetti "luoghi sensibili", che il raggio di m. 500 dal baricentro di tali luoghi entro il quale non sarà possibile collocare nuovi apparecchi per il gioco d'azzardo lecito (vedere documentazione qui sotto allegata).

Al fine di prevenire e contrastare forme di dipendenza dal gioco d’azzardo lecito, nel rispetto della libera iniziativa economica, Regione Lombardia ha altresì approvato il "Regolamento per l’accesso alle aree e ai locali per il gioco d’azzardo lecito" (r.r. n. 5 del 16 dicembre 2014, BURL Supplemento n. 51 del 19 dicembre 2014).

www.noslot.regione.lombardia.it

www.giocaresponsabile.it

DOVE RIVOLGERSI:  

UFFICIO COMMERCIO E ATTIVIT└ PRODUTTIVE (SUAP)

Comune di Agrate Brianza, Via San Paolo, 24

NORMATIVA:  

L.R. 21.10.2013 n. 8 "Norme per la prevenzione e il trattamento del gioco d'azzardo patologico"

D.G.R. 24.01.2014 n. X/1274 "Determinazione della distanza dai luoghi sensibili per la nuova collocazione di apparecchi per il gioco d'azzardo lecito (ai sensi dell'art. 5 comma 1 della L.R. 8/2013)"

RESPONSABILE:  

Stefano Sala

ALLEGATI

Versione Stampabile Versione Stampabile